+38044.3538673 [email protected] skype: ukrainaviaggi.kiev Viber/Whatsapp: +380936233181

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login
+38044.3538673 [email protected] skype: ukrainaviaggi.kiev Viber/Whatsapp: +380936233181

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login

Casa delle Chimere

Casa delle Chimere

La Casa delle Chimere, e’ noto anche come Horodetsky House, è stata costruita nel 1903. Situata al numero 10 di Bankova Street, è stata la residenza ufficiale del presidente Victor Yushchenko dal 2005.

È l’esempio più notevole di Art Nouveau in Ucraina, è stato progettata dall’architetto Vladyslav Horodetsky, spesso chiamato il Gaudí di Kiev. Horodetsky ha vissuto e lavorato in essa per dieci anni, tra il 1903 e il 1913. Horodetsky compro’ un terreno a buon mercato su un ripido pendio e fece una scommessa con l’architetto Oleksandr Skobelyev, avrebbe costruito una casa su di esso.

Skobelyev esclamò: “Tu sei pazzo, amico mio. Solo un pazzo potrebbe avere una simile idea!”

Casa delle Chimere

Horodetsky, però, vinse la scommessa. Ha usato il sito relativamente piccolo razionale e sostenne la salita con una cinquantina di pali in cemento. L’edificio cubico è a tre piani su Bankova Street e sei sul lato del Teatro Ivan Franko. Le sue facciate sono in stile  molto eclettico e contengono scene di caccia raffiguranti vari animali esotici, come Horodetsky era un cacciatore accanito.

L’italiano scultore Emilio Salya effettuo’ sia le decorazioni interne che quelle esterne, come sirene, i delfini e le rane sul tetto, navi da affondare e trofei di caccia sulle pareti esterne.

C’erano due stalle, due sale per i cocchieri, una lavanderia e due appartamenti al livello più basso dell’edificio, che si trova in profondità nella collina. Ciascuno dei due appartamenti e’ composta da un foyer, una cucina, un bagno e una dispensa. Ogni piano di sopra del livello più basso è stato progettato per un solo appartamento.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: