+38044.3538673 [email protected] skype: ukrainaviaggi.kiev Viber/Whatsapp: +380936233181

La discesa di St. Andrea

La discesa di St. Andrea

Andreevsky Spusk è una delle più antiche strade di Kiev. In tempi antichi era la via più breve dalla città alta a Podol (o città bassa), dove commercianti e artigiani lavoravano e vivevano.

Oggi questa ripida strada è un luogo tradizionale per l’organizzazione di concerti, festival e mercatini. In Andreevsky Spusk ci sono interessanti gallerie d’arte e negozi di souvenir.

Questa strada viene spesso chiamato la Montmartre di Kyiv, in qualsiasi momento si possono vedere qui artisti che espongono le loro opere. È anche il luogo in cui cantanti e attori di strada si esibiscono.

Andreevsky Spusk
Particolare della discesa

Una delle principali attrazioni della Andreevsky Spusk è Andreevskaya, o Chiesa di Sant’Andrea.  C’è una leggenda che narra che nel luogo in cui oggi scorre il fiume Dnepr una volta vi era il mare.  Quando S. Andrea venne a Kiev e posò una croce sul luogo dove ora sorge la Chiesa Andreevskaya, il mare si ritrasse, e solo un po ‘d’acqua è rimase sotto la montagna Andreevskaya.  Quando la chiesa fu costruita, una sorgente apparve sotto l’altare. Ecco perché la Chiesa non ha campane. La leggenda dice che il suono delle campane potrebbe risvegliare le acque dormienti, e Kiev sarebbe inondata.

Chiesa di St Andrea
La chiesa di Sant’Andrea

La Chiesa di Sant’Andrea è stata costruita per ordine dell’imperatrice Elisabetta, che voleva rendere Kiev la sua residenza estiva. L’Imperatrice affidò all’architetto Italiano Bartolomeo Rastrelli la progettazione e la costruzione della chiesa.  Nel 1749-1754 la costruzione fu terminata sotto la guida di Ivan Michurin, un architetto di Mosca.

La chiesa Andreevskaya è un perfetto esempio di stile barocco. Espressività e eccentricità fanno della Chiesa Andreevskaya uno dei capolavori di architettura nativa del 18 secolo.
Tra i suoi oggetti sacri vi è una parte delle reliquie di Sant’Andrea che sono state consegnate dall’Italia ed è ora sono conservate nel santuario.
Una pittoresca terrazza si estende intorno alla chiesa. Si dice che il famoso scrittore Nikolaj Gogol adorava passeggiare qui, e anche lo scrittore Mikhail Bulgakov aveva una predilezione per questo sito.

La casa museo di Bulgakov

Mikhail Bulgakov ha vissuto in questa via nella casa al numero 3 nel 1906-1916 e nel 1918-1919. In questa casa oggi sorge il museo di Bulgakov. Il Museo letterario-memoriale di Mikhail Afanasievich Bulgakov è stato inaugurato nella sua città natale, Kiev, nel 1989. La casa commemorativa è ben nota ai lettori di Bulgakov dal romanzo The White Guard. Il romanzo descrive i 51 giorni della vita di una famiglia di intellettuali durante la guerra civile in Ucraina. Bulgakov colloca i personaggi del romanzo, i Turbins, nella stessa casa, dove ha vissuto personalmente durante gli stessi eventi – nella casa №13 della discesa di Sant’Andrea.
Oggi il museo ospita la collezione di circa 3 mila pezzi esposti, 500 dei quali sono oggetti originali di Bulgakov.

La vicina casa numero 15 presenta un’insolita architettura. Tra i cittadini di Kiev questa casa è nota come “Richard’s Castle”, in quanto si configura come un castello medievale. Sul lato destro di questa casa ci sono delle scale che portano ad un luogo che offre una splendida vista su Podol, sul Dnepr e sui suoi ponti, così come sulle case della riva sinistra.
In Andreevsky Spusk c’è anche un interessante museo dedicato a questa antica strada. La sua esposizione è dedicata alla storia della Andreevsky Spusk e contiene immagini, fotografie, incisioni e altri reperti.  Sulla strada ci sono molti bar e caffè accoglienti dove è piacevole trascorrere alcune ore.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: